Sul Campo

REGOLE LOCALI

Estratto da Federazione Italiana Golf Comitato Regole & Comitato Campionati Gennaio 2015 (V 1.1)

FUORI LIMITE (Regola 27)

  1. Al di là di ogni muro, recinzione o una fila di paletti bianchi che definiscono i margini del campo.
  2. Quando il fuori limite è definito da una linea bianca sul terreno, la linea stessa è fuori limite.
  3. Una palla è fuori limite quando giace interamente sopra o al di là di questa linea.
  4. Dentro o oltre qualsiasi fosso che definisce il margine del campo.
  5. Una palla che attraversa una strada definita fuori limite e si ferma al di là di tale strada è da considerarsi fuori limite anche se essa può trovarsi su un’altra parte del campo.

Nota: Quando il fuori limite è definito da una recinzione o da paletti bianchi, la linea del fuori limite è determinata dai punti interni più vicini dei pali della recinzione o dei paletti presi a livello del terreno, esclusi i supporti angolati. Una palla è fuori limite quando giace interamente al di là di tale linea.

OSTACOLI D’ACQUA (Ostacoli d’Acqua Laterali inclusi) (Regola 26)

Nota: Zone di Droppaggio per Ostacoli d’Acqua (pag. 181-182): in presenza di zone di droppaggio per un ostacolo d’acqua, in alternativa alle opzioni previste dalla Regola 26, si potrà droppare una palla nella zona di droppaggio più vicina al punto dove la palla originaria ha attraversato per l’ultima volta il margine dell’ostacolo, con la penalità di un colpo.

TERRENO IN RIPARAZIONE (Regola 25-1)

Qualsiasi area delimitata da una linea bianca sul terreno e/o da paletti blu.

  1. Qualsiasi area di terreno danneggiato in modo insolito (es. dal pubblico o da macchinari in movimento), purché sia giudicata come anormale da un Arbitro.
  2. I segni “di misurazioni” verniciati sulle aree accuratamente rasate del percorso (inclusi i segni di vernice davanti e dietro i putting greens), in caso di interferenza con il lie della palla o con l’area dello swing.
  3. French Drains (fossetti di drenaggio riempiti di ghiaia/sassi).
  4. e) Le giunture delle zolle (pag. 173-174).

Regola 25-1a – Nota: Non è consentito ovviare all’interferenza con una buca, un mucchio di terra o una traccia di galleria fatta da un animale scavatore, un rettile o un uccello quando essa è solo con lo stance.

PALLA INFOSSATA (Regola 25-2)

E’ estesa a tutto il percorso (pag. 170-171).

Ulteriore Eccezione: Un giocatore non può ovviare secondo questa Regola Locale

se la palla è infossata nella faccia di un bunker fatta con zolle impilate.

OSTRUZIONI INAMOVIBILI (Regola 24-2)

Le aree delimitate da linee bianche in aggiunta ad aree definite ostruzioni inamovibili devono essere trattate come parte dell’ostruzione e non come terreno in riparazione.

Le aiuole circondate da un’ostruzione sono parte dell’ostruzione.

PARTI INTEGRANTI DEL CAMPO

  1. Qualsiasi cavo o cartello pubblicitario attaccato in modo aderente ad un oggetto che definisce il margine del fuori limite.
  2. Fili, cavi, fasciature o altri oggetti (es. pali tutori) quando aderiscono ad alberi o ad altri oggetti permanenti.
  3. Muri artificiali e palificazioni (p.es. di contenimento) quando situati negli ostacoli d’acqua.

SASSI NEI BUNKERS (Regola 24-1)

I sassi nei bunkers sono ostruzioni movibili: si applica la Regola 24-1 (pag. 174).

ZOLLE DI TAPPETO ERBOSO SUL PUTTING GREEN (Regola 16-1c)

Sul putting green le zolle di qualsiasi dimensione e forma hanno lo stesso status dei tamponi delle vecchie buche e possono essere riparate secondo la Regola 16-1c.

Quando non indicato diversamente, la penalità per infrazione alle Condizioni di Gara o alle Regole Locali è: Match Play: perdita della buca – Stroke Play: due colpi

 REGOLE LOCALI aggiuntive

 FUORI LIMITE ( Reg. 27–1 )

  1. Buca 7: i paletti bianchi e verdi tra le buche 7 e 8 definiscono il fuori limite soltanto durante il gioco della buca 7, sono Ostruzioni Inamovibili durante il gioco di tutte le altre buche.
  2. La Club House (compreso il marciapiede) è considerata Fuori Limite
  3. Buca 18: dietro il Green a margine della staccionata, valido solo durante il gioco della 18

CONDIZIONI ANORMALI DEL TERRENO (Regola 25)

  1. Le erosioni causate dall’acqua nei bunker, compreso gli evidenti accumuli di fango;
  2. Nel Terreno in Riparazione a tra le buche 15 e 17 è vietato il gioco.

 OSTRUZIONI INAMOVIBILI (Regola 24-2)

  1. DURANTE IL GIOCO DELLA BUCA 8 I Paletti che definiscono il fuori limite tra la buca 7 e la buca 8
  2. Stradina dietro il Green buca 18

OSTACOLO D’ACQUA. Dietro il green della Buca 14 e Prima del Green buca 17

In alternativa alle opzioni previste dalla regola si potrà droppare una palla nella Zona di Droppaggio segnalata.

PARTI INTEGRANTI DEL CAMPO

Buca 1: le reti ed i pali di protezione a destra del fairway e dietro al green sono parti integranti del campo;

Strade e sentieri in terra battuta, sabbia o lapillo sono parti integranti del campo.

PUTTING GREEN DI PRATICA

Il putting green a sinistra del green della 18 e il putting green a sinistra del tee della buca 1 sono considerati putting green di pratica.

In riferimento alla regola 25/3, il putting green comprende l’avant green che circonda il green.

VIDEO

Disclaimer

Il presente servizio web utilizza esclusivamente cookie tecnici: cookie di sessione per l'autenticazione che sono necessari per la implementazione ed erogazione del servizio stesso.

Web Project

Soluzione Grafica

Contatti

Telefono: 06 78.03.407
Fax: 06 783.46.219
email: golfroma@golfroma.it
Per prenotazioni Tee Time: portineria@golfroma.it
Per iscrizione gara:
segreteria@golfroma.it
Reparto sacche:
caddymaster@golfroma.it

Certified by